La biblioteca

La Biblioteca di Ostia Antica è da ritenersi una Biblioteca specialistica per la preziosa raccolta di testi e studi archeologici dedicati a Ostia Antica e al suo territorio.

I primi materiali documentari, che costituiscono il nucleo principale della raccolta, furono lasciati da Dante Vaglieri ai primi del 900. Si tratta di scritti ed altro materiale storico su Ostia, incrementato con regolarità dalla allora Soprintendenza.

La Biblioteca comprende attualmente quasi 13.000 volumi. È divisa in varie Sezioni, molte delle quali riguardano l'archeologia e le antichità romane, una tra le più importanti è quella relativa al territorio Ostiense al cui interno è la Serie di Scavi di Ostia fondamentale strumento di ricerca sulla topografia e l'urbanistica Ostiense.

Inoltre la peculiarità della Biblioteca è avere al suo interno una Sezione di testi rari, la maggior parte dei quali restaurati.

Significativo è il settore dei lasciti e contributi di studio delle grandi personalità come Raissa Calza, Dante Vaglieri, Guido Calza, che hanno dedicato la loro vita di studiosi ad Ostia nel periodo dei grandi scavi che dagli anni '30 del 900 hanno portato alla scoperta di gran parte della città antica.

La Biblioteca è dotata di un database consultabile on line. Annualmente viene pubblicato un elenco di opere per gli scambi.

La Biblioteca di Ostia è una Biblioteca statale ad uso interno del Parco Archeologico, accessibile agli studiosi di Istituti Culturali italiani e stranieri, studenti universitari e ricercatori.

L'accesso alla Biblioteca avviene, previa autorizzazione, su appuntamento.

Responsabile: Grazia Pettinelli
Collaboratore: Arsenio Serenella

Orario di apertura (solo per le persone autorizzate): dal martedì al venerdì ore 10- 13, previo appuntamento chiamando il numero 06/56358012 o scrivendo a pa-oant.biblioteca@beniculturali.it.

Sito web: biblioteca.scaviostia.beniculturali.it