La governance

Il Parco Archeologico di Ostia Antica è un Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e afferisce alla Direzione Generale Musei,  dotato di autonomia speciale, esercita le sue competenze nell’ambito della tutela, della conservazione e della fruizione pubblica.

E' stato istituito con D.M. n.44 del 23 gennaio 2016 "Riorganizzazione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ai sensi dell'art. 1, commma 327, della Legge 28 dicembre 2015, n. 208" .

L' Istituto ha competenza territoriale, oltre che sul Comune di Roma (Municipio X), anche sul comune di Fiumicino.

Il Decreto Ministeriale 23 dicembre 2014, relativo alla Organizzazione e funzionamento dei Musei statali, istituisce per Istituti dotati di autonomia gli Organi istituzionali che sono:

  1. il Direttore;
  2. il Consiglio di Amministrazione;
  3. il Comitato Scientifico;
  4. il Collegio dei revisori dei Conti.

Agli Organi Istituzionali spetta il compito di:

  1. garantire lo svolgimento della missione del Museo;
  2. verificare l'economicità, l'efficienza e l'efficacia dell'attività del Museo;
  3. verificare la qualità scientifica dell'offerta culturale e delle pratiche di conservazione, fruizione e valorizzazione e comunicazione dei beni in consegna al Museo.

Titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo

Il Direttore, dr. Alessandro D'Alessio, nominato a seguito di bando di concorso internazionale (Decreto della Direzione Generale Musei Repertorio 724 del 30 ottobre 2020), presiede il Consiglio di Amministrazione e il Consiglio Scientifico.

Svolge i compiti di cui all’art. 35 c. 4 del D.P.C.M. 29 agosto 2014, n.171; stabilisce, nel rispetto delle linee-guida di cui all’art. 20, c. 2, lettera o) del medesimo Decreto, l’importo dei biglietti d’ingresso, sentita la Direzione Generale Musei, nonché gli orari di apertura del Parco, in modo da assicurarne la più ampia fruizione; elabora il progetto di gestione del Parco, comprendente le attività e i servizi di valorizzazione negli Istituti e luoghi della cultura di competenza, ivi inclusi i servizi da affidare in concessione; per la tutela del territorio del Parco, svolge le stesse funzioni di Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, così come stabilite dall’art. 3 del D.M. 9 aprile 2016.

Il Consiglio di Amministrazione definisce e programma gli indirizzi tecnici dell’attività del Parco, in coerenza con direttive e atti di indirizzo del Ministero; adotta lo Statuto del Parco e le relative modifiche, acquisito l’assenso del Comitato Scientifico e del Collegio dei Revisori dei Conti; approva la Carta dei Servizi e il programma di attività annuale e pluriennale del Parco, verificandone la compatibilità finanziaria e l’attuazione; approva il bilancio di previsione, le relative variazioni e il conto consuntivo; approva gli strumenti di attuazione e verifica dei servizi affidati in concessione rispetto ai progetti di valorizzazione predisposti dal Direttore del Parco, monitorandone la relativa applicazione; si esprime su ogni altra questione sottoposta dal Direttore. Componenti del CdA sono: dott. Alessandro D’Alessio (presidente) dott. Flavio De Benedictis, dott. Alessandro Leon, dott.ssa Ludovica Purini, dott.ssa Alfonsina Russo.

Il Comitato Scientifico svolge funzione consultiva del Direttore sulle questioni di carattere scientifico nell’ambito delle attività del Parco; formula proposte al Direttore e al Consiglio di Amministrazione; supporta il Direttore, sotto il profilo scientifico, nella predisposizione del programma annuale e pluriennale di attività del Parco; predispone relazioni annuali di valutazione delle attività svolte dal Parco; verifica e approva, d’intesa con il Consiglio di Amministrazione, le politiche di prestito e di pianificazione delle mostre; valuta e approva i progetti editoriali del Parco; si esprime sullo statuto dell’Istituto e sulle modifiche statutarie nonché su ogni altra questione sottoposta dal Direttore. Componenti: dott. Alessandro D’Alessio (Presidente), Prof. Carlo Pavolini, dott.ssa Rita Turchetti, Prof. Fausto Zevi.

Il Collegio dei Revisori dei Conti svolge le attività relative al controllo di regolarità amministrativo-contabile, verificando la regolare tenuta delle scritture contabili e il regolare andamento della gestione economica, finanziaria e patrimoniale del Parco; si esprime sullo statuto del Parco e sulle modifiche statutarie. Svolge tutte le funzioni stabilite dall’art. 13 del D.M. 23 dicembre 2014. Componenti: dott.ssa Antonella Coni (Presidente), dott. Paolo Agnesi, dott. Maurizio Santoro.

Vedi anche pagina: Organi di indirizzo politico e di amministrazione e gestione